SINFONET, LA RETE DEDICATA ALLA FONDERIA METALLI, SARÀ PRESENTE A METEF 2017.

IL COMMENTO DI FRANCO ZANARDI, ESTRATTO DALL’ARTICOLO PUBBLICATO SU A&L

 
 
La regione veneto ha individuato nella fonderia metalli un segmento pilota per realizzare il programma Industry 4.0  e su questa premessa ha varato   la rete innovativa Sinfonet (Smart and Innovative Foundry Network), per coordinare l’attività di organizzazioni manifatturiere, di servizi alla manifattura, Università, consulenti ed utilizzatori finali di getti di fonderia.
 
La rete, che parte dal Veneto ma è aperta alla partecipazione di tutti gli operatori interessati del comparto, coinvolge attualmente  quarantacinque soggetti con quattordici grandi imprese, alcuni laboratori, due strutture di formazione, l’editore Edimet specializzato sul mondo dei metalli e delle relative tecnologie, l’ organizzazione fieristica di settore Metef, e tre rappresentanti degli utenti finali.
 
Tra gli obiettivi della rete Sinfonet prioritario è quello  di promuovere la tecnologia della produzione di getti  e quindi trasformare in getti di fonderia  componenti oggi realizzati con altri processi, quali ad esempio il taglio e l’assemblaggio di grezzi indefiniti per saldatura e/o collegamenti mobili.
 
La rete Sinfonet sarà presente a Metef 2017 con un’area dedicata per sottolineare lo straordinario progresso tecnologico e di innovazione dei materiali realizzato dalle fonderie, particolarmente da quelle italiane, in cui si muovono in modo sinergico fornitori di materiali, costruttori di macchine, fonderie, subfornitori, costruttori d stampi. 
 
Metef dedica un’attenzione particolare al comparto della fonderia, ed in questo spirito diventerà la vetrina internazionale di Sinfonet, favorendo così la comunicazione del progetto e la visibilità delle fonderie italiane, rappresenterà un concreto strumento di crescita per un sistema che ha avuto un grande passato e punta ad un futuro ancora migliore.
 
Il presidente onorario della Zanardi Fonderie Franco Zanardi,  commenta in un articolo  sul numero 1 della rivista Alluminio & Leghe : “con i materiali avanzati impiegati nella moderna fonderia getti, riciclabili e  caratterizzati dalla minimizzazione dell’energia consumata per unità di resistenza meccanica, è più facile  oggi alleggerire le masse in movimento.
Affinché il mercato possa rapidamente beneficiare dei vantaggi di questi materiali, è opportuno che si  stabilisca una stretta collaborazione tra la fonderia getti, il cliente finale, il costruttore di macchine per fonderia, le Università ed i Centri di Ricerca, i produttori di software dedicato, in modo da rendere disponibili tutte le le informazioni per una progettazione sicura e consapevole. Sinfonet, presente a Metef in un’area dedicata,  si propone di attrarre verso la fonderia  lavoratori qualificati e motivati e di comunicare fiducia ai clienti italiani e internazionali, mostrando come il getto di fonderia in “Advanced Materials” sia vantaggioso rispetto ad altre tecnologie concorrenti”. 

Condividi questa news

TORNA INDIETRO