ALLLUMINIO: PROSPETTIVE DI PARTNERSHIP

TRA UE E PAESI DEL GOLFO

L’opportunità di una partnership strategica, riferita all’industria dell’alluminio, tra il GCC (Gulf Cooperation Council) e l’Unione Europea è stato il tema al centro del meeting svoltosi a Bruxelles a fine gennaio, organizzato dal GAC Gulf Aluminium Council (che rappresenta l’industria del metallo leggero dei Paesi del Golfo), in collaborazione con FACE (l’associazione europea degli utilizzatori di alluminio) e GCC. Nel 2014 l'UE ha esportato beni e servizi per oltre 95 miliardi di euro, importandone dal GCC per circa 50 miliardi di euro. Nello scorso decennio e nel periodo precedente, la bilancia commerciale è sempre stata a favore dell'UE. Oggi il GCC è il quinto partner commerciale della UE e questa è il secondo partner del GCC.  Tra le materie prime che il GCC esporta in UE c’è l’alluminio, però la maggior parte dell’impiantistica e delle  macchine ed attrezzature utilizzate per la produzione del metallo leggero, per la protezione ambientale e per la produzione di energia vengono dall’Europa. Da qui l’esigenza politica di aprire prospettive di più stretta collaborazione con i produttori di alluminio del Golfo, un’area mondiale di massimo rilievo per il comparto del metallo primario.

Condividi questa news

TORNA INDIETRO